Resine in grani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'incenso è una gommoresina solidificata proveniente dalla secrezione di piante della famiglia delle Burseracee. In Etiopia crescono principalmente due generi, la Boswellia, presente con 7 specie differenti (dalla quale si origina l'incenso detto olibanum, da lùban ovvero incenso in arabo) e la Commiphora (con 50 specie diverse), dalla quale proviene la famosa mirra.
La produzione della resina avviene per essudazione spontanea o tramite incisione della corteccia( fino a 12 incisioni da settembre a giugno), e dopo circa un mese questo lattice indurito è pronto per la raccolta.
La raccolta dell'incenso rappresenta per le popolazioni locali una grande fonte di sostentamento; inoltre la Boswellia e la Commiphora crescendo in terreni aridi e rocciosi sono nutrimento per capre e cammelli e un refrigerio dal sole per gli uomini.
Gli uomini sono tradizionalmente dediti alla pratica dell'incisione e della raccolta della resine, le donne invece nel villaggio si occupano di selezionarla e classificarla.
Nella medicina tradizionale etiope la resina della Boswellia e della Commyphora è usata come antisettico, antibatterico, febbrifugo, espettorante, come trattamento delle linfoadenopatie, e nei bassopiani è masticata per alleviare la sete; la corteccia è usata per i dolori gastrici. L'incenso ha anche funzione repellente per zanzare ed insetti.
 
Queste resine sono pure e non trattate  in alcun modo: le componenti aromatiche naturali vengono sprigionate sopra una fonte di calore come un carboncino o la candelina.

Come utilizzare l'incenso in grani:

carboncino
con effetto intenso e fumoso: si brucia un carboncino e si garantisce la giusta ossigenazione per la combustione, ponendolo su una superficie resistente al calore. Posare una piccolissima quantità di resina sul carboncino.

diffusore per olí essenziali
con effetto delicato e non fumoso: si consiglia di porre un velo di carta d'alluminio o foglietto di rame sul piattino per meglio assorbire il calore della fiamma e per garantire la pulizia della superficie; si aggiunge sopra una piccola quantità di resina che inizierà a sciogliersi ed emanare la sua fragranza piano piano.

 

diffusore con candelina e retina:

si ottiene una fumigazione persistente ma delicata, una leggera presenza fumosa all'inizio del processo e poi basta.

 

 

Iscriviti alla News Letter

© Vivi Armonico s.a.s.

di Grandoni Sabrina

via Trombetti n°2

47042 Cesenatico (FC)

mail: viviarmonico@gmail.com

cell. '+39 - 328-8255168

cell. +39 - 347-8364839

Iscritto al registro imprese della CCIAA di Forlì

P.I. 04246430401