La Meditazione Olfattiva

Ritagliati del tempo e scegli un olio essenziale da annusare. Chiudi gli occhi…lasciati andare e ascolta attentamente dove arriva, cosa senti, che parte del corpo coinvolge maggiormente, che cosa ti evoca: immagini, colori, sensazioni, ricordi…

Collegarci all’ascolto interiore di una fragranza è una strada piacevole e intensa che apre alla conoscenza, alla curiosità nell’esplorare dimensioni nuove, aiuta a stupirci di come i profumi muovano e smuovano energie e dettagli assopiti, stimola la creatività, la gioia; il piacere di immergersi in colori, immagini, sensazioni profumate é lasciarsi trasportare verso orizzonti inaspettati. Ritagliarsi questo ascolto interiore è creare uno spazio sacro dove incontrare il nostro Sè, collegandoci ad una sorgente inesauribile che unisce il Tutto.

Spesso le persone chiedono a me quale incenso od olio essenziale possa andare bene per “rilassarsi” o per ” meditare”… ogni volta risveglio le persone all’ascolto personale, prendersi la responsabilità di scegliere in base alla propria percezione, desiderio, che si manifesta in quel contesto e in quel momento. La cosa giusta e il momento giusto è quello; affidarsi al proprio sentire, sapendo che tutto scorre, tutto è in continuo cambiamento e noi restiamo in ascolto, è la strada per la crescita personale. Cogliamo gli strumenti all’esterno e ri-portiamoli dentro noi, individuiamo la via che al momento risuona profondamente con il nostro “esserci”… poi può essere che quella via abbia esaurito i suoi tesori e ne esploriamo un’altra.

Silenzio, Spazio, Tempo…

Ma diamoci Tempo e Spazio, senza fretta e affanno, all’inseguimento di chissà che cosa: decidere di cambiare strada è diverso dal prendere di corsa qualsiasi treno passi davanti a noi!

Ho scelto di esplorare attraverso il mio “fiuto” il mondo, ho scelto di aprire le porte alla via olfattiva come linguaggio per la mia crescita consapevole, ho scelto di fermarmi e attraverso gli oli essenziali dar voce al “sentire, all’ascolto, alla visione che nasce, al gusto che evoca, alla parte del corpo che parla” e liberare le energie interiori…farle fluire affinchè si esprimano con una idea, una immagine, una intuizione, una guarigione.

Ogni olio essenziale porta il messaggio della pianta dalla quale viene, ed è permeato energeticamente anche del territorio dove nasce, cresce, è custodito, nutrito, raccolto, lavorato, attraverso l’opera della madre terra e dell’uomo.

resina di Boswellia, uno degli incensi utilizzati in fumigazione e in aromaterapia come olio essenziale

Durante la meditazione possono essere di aiuto sostanze interiorizzanti che guidano l’attenzione all’ascolto profondo; sono tanti gli oli essenziali proponibili e posso suggerirne alcuni…provate…annusate…sentite…scegliete. Alloro, Incenso, Ginepro, Mirra, Cedro, Elemi, Cipresso…piante utilizzate nella dimensione sacra fin da millenni che hanno scritto la storia delle più antiche tradizioni; sono sostanze intense, potenti, cariche di memoria, da utilizzare eventualmente insieme ad agrumi interiorizzanti come Bergamotto, Pompelmo, Limone, Arancio amaro, ricchi di Luce.

bergamotto

cedro atlas

Miscela da diffondere nell’ambiente o diluire in 5 ml di olio di jojoba mettendone 2 gocce nel palmo della mano per una olfazione diretta

“Guida luminosa” bergamotto 3 gtt incenso 2 gtt cedro atlas 2 gtt

Grazie…Namastè…Gassho… Sabrina

vivi armonico

HELP

CONTATti

Newsletter

Sabrina - 347 8364839

Stefano - 328 8255168
viviarmonico@gmail.com

  • Instagram
  • Facebook Icona sociale
  • YouTube Icona sociale

© 2020 by Faris. Proudly created for viviarmonico.it